Addominoplastica

L'addominoplastica è indicata in caso di eccesso cutaneo e adiposo dei quadranti inferiori della parete addominale associato o meno a difetti della parete muscolare che provocano quella condizione generalmente indicata come addome prominente.
L'incisione cutanea viene eseguita a livello della regione pubica in una zona che rimane sotto la linea degli slip e generalmente si estende da un fianco all'altro. Attraverso tale incisione è possibile asportare una porzione di cute e tessuto sottocutaneo a livello dei quadranti inferiori. Il tessuto rimanente viene stirato verso il basso, l'ombelico viene riposizionato e si procede, se è necessario alla sutura della fascia dei muscoli retti dell'addome che si sono allontanati dalla linea centrale (diastasi).L'addominoplastica è un intervento impegnativo e generalmente eseguito in anestesia generale e può essere associata ad una liposuzione dell'addome.
Dopo l'intervento è necessario indossare una guaina elastica ed evitare movimenti che interessino la muscolatura addominale per qualche settimana.
Talvolta, anziché un'addominoplastica vera e propria, potrà essere indicata una procedura meno complessa, definita "miniaddominoplastica", eventualmente combinata con una liposuzione.